Nucleare, da che parte stare: Pubblicità o Guerrilla?

Si riapre il dibattito sull'energia nucleare in Italia dopo il lancio della    campagna promossa dal Forum Nucleare  www.forumnucleare.it che si affida ad una intensa campagna TV. Greenpeace risponde con una azione di guerriglia sui social media. Questo non sarebbe una novità. Il piano del confronto è la leadership sulle opinioni. La trasformazione di una convinzione che è oggetto di negoziato sul consenso. Ciò che rappresenta invece una inedita e invisibile reazione è la rapidità con cui il popolo della rete ha riempito YouTube di video che commentano, modificano, quello originale e la velocità di propagazione dei messaggi alternativi. Interessante il trattamento con cui le due posizioni, metafora della scacchiera Bianchi contro Neri, vengono rappresentate. Andrebbero analizzate le convinzioni dei Bianchi e quelle  dei Neri. Quali strategie di advertising  e digital PR ci attendono? 
 

Commenti

Mi piace definire questa azione di lobby "volgare" e sfruttare le due accezioni del termine: si rivolge al "volgo" (e quindi al popolo) ma è grossolana, oscena, sia dal punto di vista contenutistico che di pianificazione media. Infatti si è rivelata un vero e proprio boomerang,commettendo un errore imperdonabile se commesso da professionisti della comunicazione: ha sottovalutato l'intelligenza e la capacità critica di chi ascolta.